Agenpress – Non tutti conoscono Giuseppe Gallinella e, quindi, non tutti sanno quello che ha in serbo per l’umanità intera.  Sulla pagina de “ilformat.info”, Giuseppe si definisce come “cittadino del mondo, libero pensatore, viscerale realista e temerario scrittore”.  Il mondo è lieto di sapere che esistono ancora liberi pensatori, i quali  ragionano con la propria testa, che narrano le vicende della vita  con spirito di verità.

L’impegno di Giuseppe Gallinella, negli ultimi mesi, è andato oltre il mero e semplice “pensare”, in quanto   sta dedicando gran parte del suo tempo alla scrittura di un libro. Gallinella , inoltre, è anche l’autore di un film dal titolo “La Mano Nera”.  Il  Film , promosso da Index Production , girato principalmente a Castel Volturno , nel casertano,  la cui regia e’ affidata ad Ambrogio Crespi e a Klaus Davi , con la partecipazione di Luca Telese, si propone di  analizzare  il  fenomeno delle mafie, ponendone in luce le cause e cercando di individuare le azioni  che possano sconfiggerlo . Gaetano Saffioti ( imprenditore calabrese),  Michele Inserra (giornalista) e Benedetto Zoccola (vicesindaco di Mondragone), sono i tre personaggi protagonisti del film, i quali, dopo aver ricevuto minacce e richieste di estorsioni, decidono di esporre denuncia contro alcune organizzazioni mafiose. Tale denuncia ha consentito alle Forze dell’Ordine di poter  arrestare diversi personaggi appartenenti a importanti clan camorristi e a cellule della ‘ndrangheta.  “La Mano Nera” è la  storia realmente vissuta e documentata di tante  vittime silenziose,  che vivono nel Sud del nostro Paese , principalmente imprenditori, i  quali,  costretti a subire in silenzio la violenza mafiosa,   hanno  deciso  coraggiosamente di  esporre denuncia,  mettendo a repentaglio la propria vita e quella dei propri famigliari.  Sono uomini che vivono perennemente sotto scorta e che nel film  di Giuseppe Gallinella vengono  intervistati perché parlino. E’questo lo scopo principale de “La Mano Nera”: dare voce a questi uomini costretti al silenzio, un silenzio non voluto , ma dovuto. Le scene del film  pongono in luce tale silenzio  doloroso. Il  Sud Italia ,  messo a tacere,  può parlare solamente attraverso le interviste effettuate nel film.  “La Mano Nera” non è una mera e semplice  intervista agli uomini che determinano l’economia del Sud costretti a tenere la bocca chiusa.  E’ anche la testimonianza  dell’impegno  dei più giovani abitanti del meridione, i quali sono alla ricerca delle  cause che scatenano il fenomeno mafioso. “La Mano Nera” è un vero e proprio film, unico nel suo genere: non ci sono momenti romanzati, la verità viene raccontata nuda e cruda. Si vuole dar voce a tutti gli eroi che,  quotidianamente, si oppongono alla criminalità organizzata.

Si riporta il link del servizio andato in onda sul Tg5 che racconta il Film

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1640492132761342&id=1109365409207353

L’articolo “La Mano Nera” di Giuseppe Gallinella. Un film-denuncia contro le mafie proviene da Agenpress.



Source by [author_name]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here