Agenpress. “Opporre la relazione all’individualismo, la squadra all’interesse, il benessere di tutti agli interessi di pochi”; lavorare per diventare “imprenditori di carità”; cercare modi alternativi “per abitare una società che non sia governata dal dio denaro, un idolo che la illude e poi la lascia sempre più disumana e ingiusta” –  dichiara Papa Francesco -.

“Andare controcorrente rispetto alla mentalità del mondo”, ostinarsi a restare umani, scoprire che la vera ricchezza “sono le relazioni e non i meri beni materiali”, trovando così “modi alternativi per vivere e abitare meglio nella società. – sottolinea il Papa – .

“Non si può restare indifferenti davanti al dramma di chi si toglie la vita perché solo, bisogna mettere in gioco noi stessi per fare la differenza con impegno, amore, competenza, vicinanza e tenerezza”.

E’ solidarietà impegnarsi per dare lavoro equamente retribuito a tutti; permettere a contadini resi più fragili dal mercato di far parte di una comunità che li rafforza e li sostiene; a un pescatore solitario di entrare in un gruppo di colleghi; ad un facchino di essere dentro una squadra, e così via. In questo modo, cooperare diventa uno stile di vita. Ecco: cooperare è uno stile di vita. “Io vivo, ma da solo, faccio il mio, e vado avanti…”: è un modo di vita, uno stile di vita. L’altro no: “Io vivo con gli altri, in cooperazione. È un altro stile di vita, e noi scegliamo questo- conclude il Papa -.

L’articolo Papa: un’economia ispirata al Vangelo vince solitudine e disperazione proviene da Agenpress.



Source by [author_name]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here