mercoledì, Agosto 10, 2022
spot_img
HomeAP - LazioCoronavirus. Trasferito allo Spallanzani uno dei 56 italiani. Stabile la coppia cinese

Coronavirus. Trasferito allo Spallanzani uno dei 56 italiani. Stabile la coppia cinese

Agenpress – E’ stato trasferito all’ospedale Spallanzani di Roma uno dei 56 italiani in quarantena alla città militare della Cecchignola a Roma. Il paziente, per il quale si sospetta il contagio da coronavirus, sarà sottoposto ad accertamenti.

Sono stabili, e dunque ancora critiche, le condizioni della coppia di turisti cinesi, positivi al coronavirus e ricoverati da 8 giorni all’ospedale Spallanzani di Roma. Le condizioni della coppia si erano aggravate circa 48 ore fa e, permanendo lo stato di gravità, si trovano ancora in terapia intensiva. In giornata è atteso un altro bollettino medico dell’ospedale romano.

“I due cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, positivi al test del nuovo coronavirus, continuano a essere ricoverati nella terapia intensiva del nostro Istituto. Le loro condizioni cliniche restano invariate, con parametri emodinamici stabili. La prognosi è tuttora riservata”,  rende noto lo Spallanzani nel bollettino quotidiano.

Ci sono anche farmaci usati contro l’Hiv e l’Ebola nella terapia sperimentale che dal 4 febbraio sta ricevendo la coppia cinese.  “Tali farmaci – spiega l’ospedale – sono indicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come i più promettenti sulla base dei dati disponibili”. Nel dettaglio si tratta del lopinavir/ritonavir “un antivirale comunemente utilizzato per la infezione da HIV che mostra attività antivirale anche sui coronavirus”. C’è poi il remdesivir “ottenuto grazie alla disponibilità dell’azienda farmaceutica produttrice, attraverso una procedura effettuata tempestivamente grazie all’impegno del Comitato Etico del nostro Istituto, dell’AIFA, delle dogane, e dell’USMAF di Milano Malpensa. Il remdesivir – è spiegato – è un antivirale già utilizzato per la Malattia da Virus Ebola, ed è potenzialmente attivo contro l’infezione da nuovo coronavirus”.

- Advertisment -spot_img

articoli più letti