mercoledì, Agosto 17, 2022
spot_img
HomeAP - LazioOmicidio Vannini. Processo da rifare. Pg Cassazione, fu omicidio volontario non colposo

Omicidio Vannini. Processo da rifare. Pg Cassazione, fu omicidio volontario non colposo

Agenpress – “Fu omicidio volontario, serve un nuovo processo”, aveva detto il Pg della Cassazione, Elisabetta Ceniccola, chiedendo di annullare la sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Roma, che ha ridotto da 14 a 5 anni di reclusione la condanna per Antonio Ciontoli, accusato dell’omicidio di Marco Vannini, fidanzato di sua figlia. Il pg ha inoltre definito gravissima e quasi disumana” la vicenda.

“Marco Vannini non è morto per un colpo di arma da fuoco, ma è morto per un ritardo di 110 minuti nei soccorsi” da parte della famiglia Ciontoli, aveva aggiunto. Il ritardo nel chiamare i soccorsi “costituisce l’assunzione di una posizione di garanzia verso Vannini, presa da parte di Antonio Ciontoli e dai suoi familiari”.

I così giudici hanno disposto un nuovo processo d’appello per Antonio Ciontoli, per Maria Pezzillo, moglie di Ciontoli, e per i loro figli Federico e Martina, condannati a 3 anni. Respinta la richiesta dell’imputato, che puntava a un ulteriore sconto di pena. Applausi nell’aula al momento della lettura del verdetto. Numerose le persone presenti, tra cui i genitori della vittima.

Per Cennicola quello di Marco Vannini fu un omicidio volontario e non un incidente. Al padre della fidanzata, Antonio Ciontoli, sottufficiale della Marina, non sfuggì per errore un colpo di pistola, ma sparò per uccidere. E tanto la moglie Maria Pezzillo quanto i figli, Martina e Federico, anziché prestare soccorso alla vittima, cercarono solo di nascondere l’accaduto, persero tempo e con questa condotta condannarono Marco a morte.

Marina Conte, per l’emozione è stata colta da un leggero malore: è stata soccorsa dai familiari e dalle forze dell’ordine che l’hanno portata fuori in una stanza riservata. “Marco oggi ha riconquistato il rispetto e la giustizia ha capito che non si può morire a 20 anni”, ha poi commentato la donna. “Abbiamo perso tante battaglie ma quella più importante l’abbiamo vinta”, ha detto il padre di Marco, Valerio Vannini.

- Advertisment -spot_img

articoli più letti