mercoledì, Agosto 10, 2022
spot_img
HomeCronacaL’opinione di Roberto Napoletano. Il patto per l’Italia si chiama Sud

L’opinione di Roberto Napoletano. Il patto per l’Italia si chiama Sud


Bisogna riunificare il Paese partendo dalla scuola, dalle università, dalla ricerca e dalla banda larga, ma nessun patto per l’Italia è possibile se il sistema produttivo privato non torna a concepire il Mezzogiorno come la sua nuova frontiera di investimenti per una crescita dimensionale favorita dalla fiscalità di vantaggio, dal miglioramento ambientale e dalla de-globalizzazione in atto causa Covid-19. Ha ragione Conte: o l’Italia cresce insieme o neanche il Nord crescerà in modo sostenuto


AgenPress. Nessun patto per l’Italia è possibile se non si comprende che il primo problema competitivo italiano è il suo Mezzogiorno. Nessun patto per l’Italia è possibile se non ci si rende conto che la priorità assoluta del Paese sono gli investimenti di sviluppo immateriali e materiali nelle regioni meridionali e una macchina pubblica centrale snella capace di attuare in pochi anni questi interventi scrivendo e realizzando nei tempi prestabiliti il cronoprogramma concordato con l’Europa.

Partendo dalla scuola, dalle università, dalla ricerca e dalla banda larga che sono gli elementi di un tutt’uno e vanno coniugati coerentemente in un investimento di innovazione di lungo termine in capitale umano.

Per leggere la versione integrale dell’editoriale del direttore Roberto Napoletano clicca qui:

 

https://www.quotidianodelsud.it/laltravoce-dellitalia/gli-editoriali/2020/09/29/leditoriale-di-roberto-napoletano-laltravoce-dellitalia-il-patto-per-litalia-si-chiama-sud/

L’articolo L’opinione di Roberto Napoletano. Il patto per l’Italia si chiama Sud proviene da Agenpress.



Source link

- Advertisment -spot_img

articoli più letti