mercoledì, Agosto 10, 2022
spot_img
HomeCronacaNapoli. L’ombra del “blue whale” dietro il suicidio “per gioco” del...

Napoli. L’ombra del “blue whale” dietro il suicidio “per gioco” del bambino di 11 anni


AgenPress – Il bambino di soli 11 anni si è ucciso poco dopo la mezzanotte, mentre i genitori dormivano. Ad escludere la caduta accidentale c’è un messaggio, inviato sul cellulare della madre pochi minuti prima, con il quale chiede scusa alla mamma e nel quale fa riferimento a uno stato di paura vissuto, secondo quanto si apprende, alle ultime ore di vita.

L’undicenne allude, in particolare, a un uomo nero, e gli inquirenti non escludono possa essere stato vittima dei cosiddetti “challenge dell’orrore”, del tipo “blue whale”, un gioco che si svolge totalmente on-line, che comprende atti di autolesionismo e anche, alla fine, il suicidio. Secondo quanto emerso finora, sembra che il bambino, residente con la famiglia nel quartiere Chiaia della città, fosse sano e felice, praticava sport ed era perfettamente integrato.

L’ipotesi di una challenge online resta al momento tra le più accreditate, ma anche questo è un campo scivoloso, molto. Una fitta boscaglia dove prendono vita i personaggi delle Creepypasta, la versione Internet delle leggende metropolitane, che terrorizzano i più giovani. Che si chiamino Momo, Jonathan Galindo o Slender Man, le segnalazioni arrivate alla Polizia Postale sono infinite. Il più delle volte si tratta di persone che, sfruttando la leggenda web, si limitano a spaventare il malcapitato di turno: basta una richiesta di amicizia, una foto sul telefonino per convincere un bambino di essere finito nel mirino di quell’entità misteriosa.

 

 

 

L’articolo Napoli. L’ombra del “blue whale” dietro il suicidio “per gioco” del bambino di 11 anni proviene da Agenpress.



Source link

- Advertisment -spot_img

articoli più letti