mercoledì, Agosto 17, 2022
spot_img
HomeEconomiaPrezzi: Istat, settembre -0,5%. Unc: bene deflazione, male rialzo carrello spesa

Prezzi: Istat, settembre -0,5%. Unc: bene deflazione, male rialzo carrello spesa


AgenPress – Secondo i dati provvisori di settembre resi noti oggi dall’Istat, l’inflazione registra un ribasso annuo dello 0,5%, mentre il carrello sale da +0,9% di agosto a +1,2%.

“Bene che l’Italia resti in deflazione, visto il crollo drammatico dei consumi, male che salga il carrello della spesa. Anche se la flessione dei prezzi dipende dall’emergenza Covid e dalle pesanti ripercussioni sul Pil, gli effetti sono comunque positivi, dato che il calo dei prezzi riduce la caduta del potere d’acquisto causata dalla flessione del reddito disponibile, aiutando le famiglie ad arrivare alle fine del mese. Non vanno confuse, infatti,  le cause della deflazione, negative, con le sue conseguenze. Male, invece, per la casalinga di Voghera, dato che rincarano i prezzi dei beni alimentari e per la cura della casa e della persona” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Per una coppia con due figli, la famiglia tradizionale di una volta, la deflazione consente una diminuzione della spesa annua complessiva di 197 euro, con un ribasso di 178 euro per i trasporti e di 149 euro per l’abitazione, anche se il carrello della spesa a +1,2% incide sugli acquisti di tutti i giorni, che segnano un rialzo di 117 euro, superiore ad agosto quando la maggior spesa era pari a 95 euro su base annua” prosegue Dona.

“Per una coppia con 1 figlio, la tipologia di nucleo familiare ora più diffusa in Italia, il risparmio è di 186 euro, anche se il rincaro per le compere quotidiane è di 106 euro (era 87 ad agosto), per una famiglia media l’abbassamento dei prezzi si traduce in una riduzione del costo della vita di 157 euro, anche se 88 euro in più vanno spesi per i beni alimentari e per la cura della casa e della persona (erano 71 in agosto). Per un pensionato con più di 65 anni, la minor spesa annua complessiva è pari a 79 euro, 173 euro per un single con meno di 35 anni” conclude Dona.

Tabella: spesa aggiuntiva annua per tipologia familiare e divisioni di spesa (valori in euro)

DIVISIONI DI SPESA Famiglia media Istat Coppia

con 2 figli

Coppia

con 1 figlio

Single con più di 65 anni Single con meno di 35 anni Inflazione annua di

settembre

Prodotti alimentari e bevande analcoliche 78,00 104,81 94,28 51,22 42,30 1,4
Bevande alcoliche e tabacchi 10,51 12,33 13,08 4,35 9,55 1,9
Abbigliamento e calzature 6,88 12,00 9,01 2,48 5,79 0,5
Abitazione, acqua, elettricità e combustibili -139,99 -148,68 -149,12 -109,40 -141,77 -4
Mobili, articoli e servizi per la casa 9,24 10,52 10,92 7,64 5,68 0,7
Servizi sanitari e spese per la salute 9,94 10,97 10,95 8,15 3,38 0,7
Trasporti -114,20 -178,31 -155,32 -32,73 -78,37 -3,3
Comunicazioni -45,55 -60,56 -55,51 -27,66 -31,96 -6,4
Ricreazione, spettacoli e cultura -1,52 -2,41 -1,90 -0,64 -1,20 -0,1
Istruzione 2,28 6,34 3,43 0,07 1,45 1,2
Servizi ricettivi e di ristorazione -10,92 -16,97 -14,04 -3,69 -13,95 -0,7
Altri beni e servizi 38,75 53,28 48,72 20,85 25,68 1,7
TOTALE RINCARO ANNUO (*) -157 -197 -186 -79 -173 -0,5
             
Rincaro CARRELLO DELLA SPESA 88 117 106 56 49 +1,2

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat

(*) totali arrotondati

 

L’articolo Prezzi: Istat, settembre -0,5%. Unc: bene deflazione, male rialzo carrello spesa proviene da Agenpress.



Source link

- Advertisment -spot_img

articoli più letti