mercoledì, Gennaio 20, 2021
Home Cultura Torna la Notte dei Ricercatori

Torna la Notte dei Ricercatori


AgenPress. La Notte europea dei ricercatori non si ferma: affronta la sfida posta dalla pandemia e trasferisce online i propri appuntamenti. La nuova edizione dell’evento, promosso a partire dal 2005 dalla Commissione Europea, si svolgerà domani, venerdì 27 novembre, quando migliaia di ricercatori italiani e internazionali incontreranno virtualmente centinaia di migliaia di persone di ogni età. Una modalità inedita di raggiungere i cittadini, ma sempre con lo scopo di far conoscere il ruolo e il valore della ricerca nella società e per il futuro, evidenziando il suo impatto sulla nostra vita quotidiana e invogliando i giovani ad affrontare carriere scientifiche. La possibilità di incontrare i ricercatori e trovare interlocutori affidabili può rappresentare per tutti un’opportunità preziosa per orientarsi in questa fase di grande incertezza collettiva.

“La pandemia ci costringe a un formato nuovo, inedito, virtuale – sottolinea il ministro Gaetano Manfredi – ma questo evento continua a rappresentare una preziosa occasione informale per diffondere la cultura scientifica. Resta intatta la voglia dei ricercatori di raccontare e raccontarsi, di far comprendere il valore della ricerca come bene comune e come elemento essenziale per affrontare le sfide globali del futuro: energia pulita, nuove tecnologie, digitale, medicina, agricoltura. In questo senso, i sette progetti finanziati dalla Commissione Europea e sostenuti dal ministero dell’Università e della Ricerca rappresentano il nostro orgoglio. La Notte dei ricercatori resiste oltre la pandemia e non si ferma. Proprio come la ricerca”.

Negli anni, l’iniziativa si è affermata come un’occasione unica per approfondire i temi più attuali della ricerca e ha assunto una popolarità crescente tra il grande pubblico: nel 2019 i visitatori che hanno partecipato alle iniziative della notte sono stati oltre 1,6 milioni, in 400 città in tutta Europa.

Il cartellone dell’edizione 2020 propone migliaia di incontri: laboratori virtuali, spettacoli online, giochi, attività divulgative interattive, conferenze, eventi di approfondimento culturale e di intrattenimento.

Sette i progetti italiani finanziati dalla Commissione Europea e sostenuti dal ministero dell’Università e della Ricerca che coinvolgeranno 84 città: BRIGHT-NIGHT (coordinato dall’Università degli studi di Firenze), ERN APULIA (coordinato dall’Università del Salento), MEETmeTONIGHT (coordinato dall’università Milano-Bicocca), Science Together NET (coordinato dal CNR), SHARPER (coordinato da Psiquadro – impresa sociale di comunicazione della scienza), SOCIETY NEXT (coordinato dal Consorzio interuniversitario CINECA) e SUPERSCIENCEME (coordinato dall’Università della Calabria).

La RAI, attraverso i canali tematici Rai Cultura e Rai Scuola, dedica uno speciale web alla Notte dei Ricercatori Italia fatto di notizie, eventi e attività dei sette progetti, link alle piattaforme per la fruizione delle manifestazioni, immagini e video.

Un approfondimento di tutte le attività presentate dai sette progetti italiani è consultabile sul sito www.nottedeiricercatori.it

L’articolo Torna la Notte dei Ricercatori proviene da Agenpress.



Source link

- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

Usa. Trump grazia 73 persone, anche un imprenditore toscano, ma non Assange e Snowden

AgenPress – Il presidente Donald Trump ha emesso una serie di indulgenze e commutazioni dell’undicesima ora all’inizio di mercoledì che includeva il suo ex stratega politico,...

Covid. Oltre 96 mln di casi nel mondo, 2.056.996 decessi. In Cina lockdown nel distretto di Daxing

AgenPress – Dieci i paesi al mondo che hanno superato i due milioni di infezioni totali: gli Usa, che restano il paese più...

Usa accusa la Cina di “repressione e genocidio degli Uiguri. Replica, “bugie oltraggiose”

AgenPress – Il dipartimento di Stato Usa accusa la Cina di aver commesso un “genocidio” contro gli uiguri, la popolazione musulmana nella regione...

Smog. Brescia e Bergamo hanno il tasso di mortalità più alto d’Europa

AgenPress – Brescia e Bergamo hanno il tasso di mortalità da particolato fine (PM2.5) più alto in Europa. Nella top ten anche Vicenza...