Arizona. La sentenza della Corte d’appello consente di tornare ad eseguire gli aborti

Date:

Share post:


AgenPress – Gli aborti possono riprendere di nuovo in Arizona, almeno per ora, dopo che venerdì una corte d’appello ha bloccato l’applicazione di una legge pre-statale che ha quasi interamente criminalizzato la procedura.

La giuria di tre giudici della Corte d’Appello dell’Arizona ha concordato con Planned Parenthood che un giudice non avrebbe dovuto revocare l’ordine vecchio di decenni che impediva l’imposizione della vecchia legge.

Il breve ordine scritto dal presidente del giudice Peter J. Eckerstrom affermava che Planned Parenthood e la sua affiliata in Arizona avevano dimostrato che è probabile che prevarranno su un ricorso contro una decisione del giudice di Tucson per consentire l’applicazione della vecchia legge.

Planned Parenthood aveva sostenuto che il giudice della corte inferiore avrebbe dovuto prendere in considerazione una serie di leggi che limitano gli aborti approvate da quando l’ingiunzione originale è stata adottata in seguito alla decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti del 1973 in Roe v. Wade che affermava che le donne hanno un diritto costituzionale all’aborto.

Tali leggi includono una nuova che blocca gli aborti dopo 15 settimane di gravidanza, entrata in vigore il mese scorso. Il limite precedente era di 24 settimane, lo standard di fattibilità stabilito dai casi della Corte Suprema degli Stati Uniti ora annullati.

“I tribunali dell’Arizona hanno la responsabilità di tentare di armonizzare tutti gli statuti pertinenti di questo stato”, ha scritto Eckerstrom, rispecchiando le argomentazioni degli avvocati di Planned Parenthood.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha annullato Roe a giugno e il procuratore generale repubblicano dell’Arizona Mark Brnovich ha quindi chiesto che l’ingiunzione che bloccava l’applicazione dell’aborto pre-statale fosse revocata. Era stato emesso nel 1973, poco dopo la decisione di Roe. Il 23 settembre, il giudice della Corte superiore della Corte di Pima, Kellie Johnson, ha deciso di revocare l’ordine due settimane fa.

“La decisione di oggi fornisce un senso di sicurezza disperatamente necessario sia per i nostri pazienti che per i fornitori”, ha affermato in una nota Alexis McGill Johnson, presidente e CEO di Planned Parenthood Federation of America. “Ora possiamo tirare un sospiro di sollievo e servire i pazienti. Anche se la lotta non è finita, per ora, gli arizonani saranno ancora una volta in grado di prendere le proprie decisioni sul proprio corpo, sulle decisioni sanitarie e sul futuro”.

L’articolo Arizona. La sentenza della Corte d’appello consente di tornare ad eseguire gli aborti proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Infezioni ricorrenti: al Bambino Gesù open day con visite e consulenze gratuite su prenotazione

Sabato 4 febbraio presso la sede di San Paolo, gli specialisti dell’Ospedale saranno a disposizione dei genitori...

Roma. Incidente, muoiono 5 ragazzi, un ferito. Procura di Tivoli apre un fascicolo

AgenPress –  La Procura di Tivoli ha avviato un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, in relazione...

Roma. Auto si ribalta più volte con sei ragazzi a bordo: cinque morti (tra i 21 e i 17 anni) ed un ferito

AgenPress – Cinque ragazzi sono morti dopo che l’auto sulla quale viaggiavano si è ribaltata più volte. Il sesto, rimasto ferito,...

Fedriga: attrarre investimenti esteri, sosteniamo candidatura a Expo Roma 2030

AgenPress. “Per rendere più attrattivo il nostro Paese agli investitori esteri serve anche la condivisione degli obiettivi...