Arabia Saudita. Tre ragazzi rischiano l’impiccagione per presunti reati commessi quando erano minorenni

Date:

Share post:


AgenPress – Tre ragazzi  sono a rischio imminente di esecuzione dopo che una corte d’appello ha confermato le loro condanne tra giugno e ottobre di quest’anno.

Lo ha affermato oggi Amnesty International. Dopo i loro processi gravemente iniqui, l’organizzazione chiede alle autorità saudite di commutare le condanne dei giovani mentre il mondo celebra la Giornata mondiale contro la pena di morte.

Tra giugno e ottobre, i tribunali sauditi hanno confermato le condanne a morte di Jalal Labban, Abdullah al-Darazi e Abdullah al-Huwaiti. Altri due imputati, attualmente sotto processo, rischiano lo stesso verdetto. In tutti e cinque i casi, l’età in cui avrebbero compiuto il presunto reato era compresa tra 14 e 18 anni.

Una corte d’appello dell’Arabia Saudita ha confermato il 4 ottobre la condanna a morte di Jalal al-Labbad, uno dei tre giovani in Arabia Saudita a rischio imminente di esecuzione. Il processo di altri due davanti alla SCC continua mentre l’accusa ha chiesto la pena di morte. Tutti e cinque gli individui erano bambini di età compresa tra i 14 ei 18 anni al momento dei loro presunti crimini.

Nel febbraio 2022, la Commissione saudita per i diritti umani ha dichiarato ad Amnesty International che il paese aveva interrotto le esecuzioni di individui per “crimini commessi da minori” e aveva dichiarato di aver commutato tutte le condanne a morte in sospeso in tali casi.

“Condannare a morte persone per crimini commessi quando avevano meno di 18 anni è una chiara violazione del diritto internazionale sui diritti umani. Le autorità dell’Arabia Saudita hanno promesso di porre fine all’uso della pena di morte in questi casi, ma la realtà brutale è che questi giovani stanno affrontando un’esistenza abbreviata”, ha affermato Diana Semaan, vicedirettore ad interim di Amnesty International per il Medio Oriente e il Nord Africa. .

“Il re non dovrebbe ratificare queste condanne a morte e dovrebbe immediatamente fermare tutte le imminenti esecuzioni e ordinare nuovi processi che devono essere pienamente coerenti con gli standard internazionali di un processo equo, senza ricorrere alla pena di morte”.

Quattro dei cinque individui appartengono alla minoranza sciita. Sono stati condannati o accusati di accuse legate al terrorismo per la loro partecipazione a proteste antigovernative o per aver partecipato ai funerali delle persone uccise dalle forze di sicurezza. Le autorità hanno ripetutamente condannato a morte i membri della loro comunità mentre cercano di mettere a tacere il dissenso nella provincia orientale dell’Arabia Saudita.

Processi gravemente iniqui

Secondo i documenti del tribunale analizzati da Amnesty International, tutti i giovani sono stati oggetto di una litania di violazioni durante la loro custodia cautelare, inclusa la detenzione e l’isolamento per un massimo di nove mesi. A tutti è stato inoltre negato l’accesso a un avvocato durante la custodia cautelare.

Yousef al-Manasif, che aveva tra i 15 ei 18 anni all’epoca del “delitto”, rischia di essere condannato a morte in un processo in corso davanti alla SCC. È stato tenuto in isolamento e in isolamento durante i primi sei mesi della sua detenzione.

Mancata indagine sulle accuse di tortura

Funzionari di sicurezza sauditi hanno sottoposto quattro dei giovani a torture e altri maltrattamenti per estorcere “confessioni”. A seguito della tortura, uno dei quattro uomini ha sviluppato infezioni croniche al tratto genitale. La corte non ha indagato sulle accuse di tortura e ha fatto affidamento su confessioni contaminate dalla tortura quando ha condannato gli imputati.

L’articolo Arabia Saudita. Tre ragazzi rischiano l’impiccagione per presunti reati commessi quando erano minorenni proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

“Ti mangiamo il cuore”. Le donne in piazza contro Giorgia Meloni. “Preparati a tremare, siamo libere di lottare”

AgenPress – Un grande striscione con scritto “Fascista Meloni noi ti farem la guerra” e “Ti mangiamo...

Roma. Violenza sulle donne: uno al mese registrato nel 2022 al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Giovanni

Nel 2020, anno del lockdown, i casi di aggressione e di incidenti domestici contro le donne di età...

Anzio e Nettuno sciolti per mafia, Tirrito: “La politica faccia una riflessione seria su chi mette nelle liste elettorali”

AgenPress. “Lo abbiamo detto in tempi non sospetti, lo ribadiamo oggi che i consigli comunali di Anzio...

Maltempo. Nella notte 80 interventi vigili fuoco a Roma. Allagamenti nella zona dell’ Idroscalo di Ostia

AgenPress – Nella notte sono stati effettuati circa 80 interventi dalle squadre dei Vigili del Fuoco a...