La Russia deporta bambini ucraini e li dà in adozione. Cancella la loro identità e spariscono nel nulla

Date:

Share post:


AgenPress – Migliaia di bambini sono stati trovati negli scantinati di città dilaniate dalla guerra come Mariupol e negli orfanotrofi nei territori separatisti del Donbas sostenuti dalla Russia. Tra questi coloro i cui genitori sono stati uccisi dai bombardamenti russi e altri in istituzioni o con famiglie affidatarie, noti come “figli dello stato”.

La Russia afferma che questi bambini non hanno genitori o tutori che si prendano cura di loro, o che non possono essere raggiunti. Ma l’Associated Press  ha scoperto che i funzionari hanno deportato bambini ucraini in Russia o nei territori controllati dai russi senza consenso, hanno mentito loro dicendo che non erano desiderati dai loro genitori, li hanno usati per la propaganda e hanno dato loro famiglie e cittadinanza russa.

L’indagine è la più ampia fino ad oggi sulla cattura degli orfani ucraini e la prima a seguire il processo fino a quelli già cresciuti in Russia. L’AP ha svolto dozzine di interviste con genitori, bambini e funzionari sia in Ucraina che in Russia; e-mail e lettere; Documenti russi e media statali russi.

Indipendentemente dal fatto che abbiano o meno genitori, crescere i figli della guerra in un altro paese o cultura può essere un segno di genocidio, un tentativo di cancellare l’identità stessa di una nazione nemica. I pubblici ministeri affermano che può anche essere collegato direttamente al presidente russo Vladimir Putin, che ha esplicitamente sostenuto le adozioni.

“Non è qualcosa che accade all’improvviso sul campo di battaglia”, ha affermato Stephen Rapp, un ex ambasciatore statunitense per i problemi di crimini di guerra che sta fornendo consulenza all’Ucraina in merito all’azione penale. “E quindi la tua capacità di attribuire responsabilità al livello più alto è molto maggiore qui.”

Anche dove i genitori sono morti, ha detto Rapp, i loro figli devono essere protetti, affidati o adottati in Ucraina piuttosto che deportati in Russia.

La legge russa vieta l’adozione di bambini stranieri. Ma a maggio Putin ha firmato un decreto che rende più facile per la Russia adottare e dare la cittadinanza ai bambini ucraini senza cure parentali e più difficile per l’Ucraina e i parenti sopravvissuti ritrovarli.

La Russia ha anche preparato un registro delle famiglie russe idonee per i bambini ucraini e lo paga per ogni bambino che ottiene la cittadinanza, fino a $ 1.000 per le persone con disabilità. Tiene campi estivi per orfani ucraini, offre corsi di “educazione patriottica” e gestisce persino una linea diretta per accoppiare famiglie russe con bambini del Donbas.

“È assolutamente una storia terribile”, ha detto Petro Andryushchenko, consigliere del sindaco di Mariupol, che afferma che centinaia di bambini sono stati portati via solo da quella città. “Non sappiamo se i nostri figli hanno un genitore ufficiale o (matrigni) o qualcos’altro perché sono scomparsi con la forza dalle truppe russe”.

La Russia descrive la sua adozione di bambini ucraini come un atto di generosità che offre nuove case e risorse mediche ai minori indifesi. I media statali russi mostrano funzionari locali che li abbracciano e li baciano e consegnano loro passaporti russi.

È molto difficile stabilire il numero esatto di bambini ucraini deportati in Russia: i funzionari ucraini ne affermano quasi 8.000 . La Russia non ha fornito un numero complessivo, ma i funzionari annunciano regolarmente l’arrivo di orfani ucraini su aerei militari russi.

L’articolo La Russia deporta bambini ucraini e li dà in adozione. Cancella la loro identità e spariscono nel nulla proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Roma. Aveva abusato di una minorenne nell’ascensore della Metro. Arrestato egiziano di 22 anni

AgenPress – Ha abusato di una ragazzina di 16 anni nell’ascensore della metro di Roma. Per questo...

Ospedale Israelitico. Presentato il primo ambulatorio multidisciplinare dedicato alla salute delle donne

AgenPress – L’Ospedale Israelitico, da sempre attento alle esigenze di tutti e impegnato nella promozione della medicina...

Anzio. Grave incidente nella notte. Auto si schianta contro un albero: morte due ragazze di 21 e 22 anni

AgenPress – Due ragazze, entrambe ventenni, sono morte in un incidente stradale avvenuto questa notte ad Anzio,...

12 febbraio 2023 la data per le elezioni Regionali del Lazio

AgenPress. Il Presidente Vicario della Regione Lazio, Daniele Leodori, ha annunciato, con una nota indirizzata al Presidente...