Iran. L’atleta che ha gareggiato senza l’hijab portata nel carcere di Evin. Ambasciata, partita con squadra

Date:

Share post:


AgenPress –  Crescono i timori per un’atleta iraniana che ha gareggiato senza l’hijab a una competizione di arrampicata in Corea del Sud, sfidando le rigide regole iraniane.

Indossare l’hijab è obbligatorio per le atlete iraniane quando gareggiano all’estero e il rifiuto di Rekabi di indossare il velo è stato ampiamente visto come una storica dimostrazione di solidarietà con le proteste guidate dalle donne che stanno crescendo in Iran.

Elnaz Rekabi è stata acclamata dagli iraniani che protestavano contro il codice di abbigliamento dopo aver scalato con i capelli scoperti ai Campionati asiatici IFSC di Seoul.

La famiglia e gli amici della signora Rekabi hanno perso i contatti con lei lunedì, dopo che aveva detto che era con un funzionario iraniano.

 L’ambasciata iraniana a Seoul ha dichiarato che  domenica ha partecipato alla gara di arrampicata asiatica a Seoul senza indossare l’hijab in solidarietà con i manifestanti per la morte di Mahsa Amini, ha lasciato stamattina Seoul per Teheran insieme alla sua squadra.

“La signora Elnaz Rekabi ha lasciato Seoul per l’Iran martedì mattina, dopo la fine della competizione di arrampicata su roccia dei Campionati asiatici”, si legge in un comunicato.

“L’ambasciata della Repubblica islamica dell’Iran in Corea del Sud nega con forza tutte le notizie false, le bugie e le informazioni false sulla signora Elnaz Rekabi”.

IranWire, sito di giornalisti dissidenti iraniani, riferisce che sarà trasferita direttamente da Seul nella famigerata prigione di Evin a Teheran. Reza Zarei, il capo della Federazione di arrampicata iraniana, ha ingannato l’atleta conducendola dall’albergo di Seul all’ambasciata iraniana dopo aver ricevuto ordini dal presidente del Comitato olimpico iraniano Mohammad Khosravivafa.

Le donne nel paese sono tenute a coprirsi i capelli con l’hijab e le braccia e le gambe con abiti larghi. Le atlete devono anche rispettare il codice di abbigliamento quando rappresentano ufficialmente l’Iran nelle competizioni all’estero.

Le proteste sono state innescate dalla morte in custodia di Mahsa Amini, una donna di 22 anni arrestata dalla polizia della moralità a Teheran il 13 settembre per aver indossato il velo in modo troppo largo. La polizia ha smentito le notizie secondo cui è stata picchiata in testa con un manganello e ha affermato di aver subito un infarto.

Lunedì, più di 40 gruppi per i diritti umani hanno esortato il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a tenere una sessione speciale e hanno condannato quella che hanno definito la “mobilitazione dell’iraniano ben affinato meccanismo di repressione per reprimere spietatamente” le proteste.

I gruppi hanno affermato che le prove raccolte hanno mostrato che c’era stato uno schema straziante di forze di sicurezza che sparavano proiettili veri contro manifestanti e passanti.

Iran Human Rights, con sede in Norvegia, ha riferito che 215 persone, inclusi 27 bambini, sono state uccise dalle forze di sicurezza . Le autorità hanno negato di aver ucciso manifestanti pacifici e hanno invece accusato i “rivoltosi” sostenuti dall’estero.

L’articolo Iran. L’atleta che ha gareggiato senza l’hijab portata nel carcere di Evin. Ambasciata, partita con squadra proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Roma. Aveva abusato di una minorenne nell’ascensore della Metro. Arrestato egiziano di 22 anni

AgenPress – Ha abusato di una ragazzina di 16 anni nell’ascensore della metro di Roma. Per questo...

Ospedale Israelitico. Presentato il primo ambulatorio multidisciplinare dedicato alla salute delle donne

AgenPress – L’Ospedale Israelitico, da sempre attento alle esigenze di tutti e impegnato nella promozione della medicina...

Anzio. Grave incidente nella notte. Auto si schianta contro un albero: morte due ragazze di 21 e 22 anni

AgenPress – Due ragazze, entrambe ventenni, sono morte in un incidente stradale avvenuto questa notte ad Anzio,...

12 febbraio 2023 la data per le elezioni Regionali del Lazio

AgenPress. Il Presidente Vicario della Regione Lazio, Daniele Leodori, ha annunciato, con una nota indirizzata al Presidente...