Ucraina. “Più di 1.100 città sono rimaste senza corrente dopo gli attacchi russi alle centrali elettriche”

Date:

Share post:


AgenPress – Più di 1100 città e villaggi in tutta l’Ucraina rimangono senza elettricità dopo i massicci attacchi russi degli ultimi giorni, hanno detto i funzionari ucraini.

Il portavoce dei servizi di emergenza Oleksandr Khorunzhyi ha affermato che più di 70 persone sono state uccise negli attacchi di razzi e droni dal 7 ottobre.

Il presidente Volodymyr Zelensky ha affermato che il 30% delle centrali elettriche ucraine è stato distrutto negli ultimi otto giorni.

Parti della capitale Kiev non hanno elettricità e acqua dopo i nuovi scioperi di martedì.

Il sindaco di Kiev Vitaliy Klitschko ha affermato che tutte e tre le vittime degli ultimi scioperi russi erano dipendenti di “infrastrutture critiche”, aggiungendo che due strutture nella capitale erano state colpite.

L’elettricità e l’acqua sono state tagliate a Zhytomyr, a ovest della capitale, e un impianto energetico è stato colpito nella città sudorientale di Dnipro.

Al briefing di martedì a Kiev, Khorunzhyi ha dichiarato: “Nel periodo dal 7 al 18 ottobre, a seguito del bombardamento di impianti energetici, circa 4.000 insediamenti in 11 regioni [dell’Ucraina] sono stati tagliati fuori.

“Attualmente, secondo il ministero dell’Energia, 1.162 insediamenti rimangono senza elettricità”, ha detto il portavoce dei servizi di emergenza.

Dopo aver subito una serie di dolorose sconfitte sul campo di battaglia, la Russia ha intensificato gli attacchi nelle ultime settimane alle infrastrutture elettriche in città lontane dal fronte.

I funzionari di emergenza ucraini si sono affrettati a riparare i danni, ma gli scioperi, prima dell’inverno, hanno sollevato preoccupazioni su come risponderà il sistema.

Kyrylo Tymoshenko, vice capo dell’ufficio del presidente, ha affermato che “tutti dovrebbero essere pronti, in primo luogo, a risparmiare elettricità, e in secondo luogo, se gli scioperi continuano, sono possibili anche interruzioni di corrente”.

“L’intera popolazione deve prepararsi per un inverno rigido”. Gli ultimi attacchi sono arrivati ​​24 ore dopo che i droni “kamikaze” – ritenuti forniti dall’Iran – hanno ucciso almeno nove persone a Kiev e Sumy, nel nord-est.

Inizialmente non era chiaro fino a che punto fossero coinvolti i droni martedì.

L’Ucraina ha detto che i bombardieri russi hanno lanciato missili e un missile antiaereo S-300 ha colpito un edificio residenziale nella città meridionale di Mykolaiv durante la notte, uccidendo una persona. Anche il mercato dei fiori della città è stato distrutto.

In alcune città, gli ucraini stanno acquistando generatori di energia e bruciatori a gas. Alcune città stanno già affrontando un blackout continuo.

L’articolo Ucraina. “Più di 1.100 città sono rimaste senza corrente dopo gli attacchi russi alle centrali elettriche” proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

“Ti mangiamo il cuore”. Le donne in piazza contro Giorgia Meloni. “Preparati a tremare, siamo libere di lottare”

AgenPress – Un grande striscione con scritto “Fascista Meloni noi ti farem la guerra” e “Ti mangiamo...

Roma. Violenza sulle donne: uno al mese registrato nel 2022 al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Giovanni

Nel 2020, anno del lockdown, i casi di aggressione e di incidenti domestici contro le donne di età...

Anzio e Nettuno sciolti per mafia, Tirrito: “La politica faccia una riflessione seria su chi mette nelle liste elettorali”

AgenPress. “Lo abbiamo detto in tempi non sospetti, lo ribadiamo oggi che i consigli comunali di Anzio...

Maltempo. Nella notte 80 interventi vigili fuoco a Roma. Allagamenti nella zona dell’ Idroscalo di Ostia

AgenPress – Nella notte sono stati effettuati circa 80 interventi dalle squadre dei Vigili del Fuoco a...