Iran. Elnaz Rekabi è tornata a casa accolta come il nuovo simbolo delle proteste anti-governative

Date:

Share post:


AgenPress – Una grande folla all’aeroporto di Teheran ha salutato un’arrampicatrice sportiva iraniana che ha gareggiato senza velo a una competizione in Corea del Sud, definendola un’”eroina”.

Accolta dalla sua famiglia aveva un berretto da baseball nero e una felpa con cappuccio.

Elnaz Rekabi, 33 anni, ha infranto il rigido codice di abbigliamento iraniano, ma in seguito ha detto che il suo hijab era caduto “inavvertitamente”.

“Sono stata improvvisamente e inaspettatamente chiamata a competere mentre ero nello spogliatoio femminile. Ero impegnato a indossare le mie scarpe e riparare la mia attrezzatura e ho dimenticato di indossare il mio hijab, che avrei dovuto indossare”.

“Sono tornata in Iran in pace, in perfetta salute e secondo il programma previsto. Mi scuso con il popolo iraniano per le tensioni che si sono create”, ha detto la sportiva, aggiungendo che non aveva “alcuna intenzione di abbandonare la nazionale”.

Rekabi ha aggiunto che ci sono state “alcune reazioni estreme” al video del suo aspetto con una coda di cavallo e che si sentiva “stressata e tesa”.

“Grazie al cielo, sono tornato in Iran in buona salute e al sicuro. E mi scuso con il popolo iraniano per la confusione e le preoccupazioni”.

Ha anche negato le notizie secondo cui non aveva contatti con la sua famiglia e i suoi amici e che aveva lasciato la Corea del Sud prima del previsto.

“Non è successo. Siamo tornati in Iran esattamente come previsto”.

Rekabi è stata salutata come un nuovo simbolo delle proteste anti-governative guidate dalle donne in Iran dopo che il video di lei che sfoggiava una coda di cavallo ai Campionati asiatici di domenica è diventato virale.

Le proteste sono state innescate dalla morte in custodia di Mahsa Amini, una donna di 22 anni arrestata dalla polizia della moralità a Teheran il 13 settembre per aver indossato il velo in modo troppo largo. La polizia ha smentito le notizie secondo cui è stata picchiata in testa con un manganello e ha affermato di aver subito un infarto.

Le donne iraniane sono tenute a coprirsi i capelli con un velo e le braccia e le gambe con abiti larghi. Le atlete devono anche rispettare le regole quando rappresentano ufficialmente l’Iran in competizioni all’estero.

L’articolo Iran. Elnaz Rekabi è tornata a casa accolta come il nuovo simbolo delle proteste anti-governative proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Infezioni ricorrenti: al Bambino Gesù open day con visite e consulenze gratuite su prenotazione

Sabato 4 febbraio presso la sede di San Paolo, gli specialisti dell’Ospedale saranno a disposizione dei genitori...

Roma. Incidente, muoiono 5 ragazzi, un ferito. Procura di Tivoli apre un fascicolo

AgenPress –  La Procura di Tivoli ha avviato un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, in relazione...

Roma. Auto si ribalta più volte con sei ragazzi a bordo: cinque morti (tra i 21 e i 17 anni) ed un ferito

AgenPress – Cinque ragazzi sono morti dopo che l’auto sulla quale viaggiavano si è ribaltata più volte. Il sesto, rimasto ferito,...

Fedriga: attrarre investimenti esteri, sosteniamo candidatura a Expo Roma 2030

AgenPress. “Per rendere più attrattivo il nostro Paese agli investitori esteri serve anche la condivisione degli obiettivi...