Arabia Saudita. Giustiziato un uomo giordano dopo essere stato costretto a confessare traffico droga

Date:


AgenPress – L’Arabia Saudita ha giustiziato un uomo giordano la cui famiglia afferma che è stato torturato per costringerlo a confessare accuse di droga.

Hussein Abu al-Khair, 57 anni, aveva otto figli ed era un autista di un ricco saudita.

È stato arrestato nel 2014 mentre attraversava il confine dalla Giordania all’Arabia Saudita, accusato di contrabbando di anfetamine.

Successivamente è stato condannato a morte, dopo un processo criticato da Amnesty International come “gravemente ingiusto”.

Sua sorella, Zeinab Abul Al-Khair, ha detto che le aveva detto dal carcere che era stato appeso per i piedi e picchiato.

“Non avrebbe mai immaginato che una confessione forzata sarebbe stata consentita nel suo processo”, mi ha detto all’inizio di quest’anno.

Il suo caso ha suscitato preoccupazione a livello internazionale, con crescenti timori per la sua sorte dopo che lo scorso novembre l’Arabia Saudita ha posto fine a una moratoria non ufficiale sull’uso della pena di morte per reati di droga. Entro due settimane, 17 uomini furono giustiziati con tali accuse.

Il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria aveva riscontrato che la detenzione del sig. Abu al-Khair era priva di base giuridica.

E alla fine del 2022, l’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha fatto appello per il suo rilascio.

Afferma che l’uso della pena di morte per reati di droga è incompatibile con le norme e gli standard internazionali.

“Esortiamo il governo saudita a fermare la presunta esecuzione imminente di al-Kheir e a conformarsi all’opinione del gruppo di lavoro annullando la sua condanna a morte, rilasciandolo immediatamente e senza condizioni e assicurando che riceva cure mediche, risarcimento e altri risarcimenti”, ha affermato. portavoce Liz Throssell.

L’annuncio che Hussein Abu al-Khair era stato messo a morte è stato fatto dall’agenzia di stampa saudita e arriva un anno esatto dalla più grande esecuzione di massa nella storia moderna saudita.

Il gruppo della campagna Reprieve ha affermato che le autorità saudite non hanno avvertito la sua famiglia che stava per essere giustiziato, né hanno dato loro la possibilità di salutarlo.

È stato molto critico nei confronti degli alleati dell’Arabia Saudita, incluso il Regno Unito, per non aver preso una posizione più forte contro le violazioni dei diritti umani nel Regno.

“Esattamente un anno fa, il regime di Mohammed bin Salman ha giustiziato 81 uomini in un solo giorno, e i partner internazionali dell’Arabia Saudita hanno fatto spallucce e rilasciato dichiarazioni vuote sull’importanza dei diritti umani”, ha detto il direttore di Reprieve, Maya Foa.

“Piuttosto che condannare il principe ereditario, i leader mondiali si sono messi in fila per stringergli le mani macchiate di sangue. Le atrocità di oggi e altre simili sono il risultato inevitabile. Quando i partner segnalano che il regime saudita può uccidere senza conseguenze, puoi star certo che lo farà”, ha affermato. aggiunto.

Il caso di Abu al-Khair è stato sollevato al parlamento britannico alla fine di novembre – con un ministro degli Esteri che ha risposto a una domanda urgente su un’ondata di esecuzioni in Arabia Saudita affermando che le autorità lo avevano “chiaramente” torturato e descrivendo il suo trattamento come ” abominevole”.

La settimana successiva il ministro, David Rutley, ha chiesto che le sue parole fossero cancellate dagli atti parlamentari, affermando di aver parlato per “errore”.

Rispondendo alla notizia dell’esecuzione, il deputato conservatore David Davis ha dichiarato: “Il governo del Regno Unito sapeva che Hussein Abu al-Khair correva un rischio imminente, ma il ministro degli Esteri non ha chiesto pubblicamente di fermare la sua esecuzione, nonostante i suoi predecessori avessero preso questo tipo di azione nel passato.

“Il Regno Unito deve segnalare che non chiuderà più un occhio di fronte a esecuzioni come queste e parlare con forza a nome di altri che rimangono a rischio, compresi i minorenni imputati come Abdullah al-Howaiti”.

L’agenzia di stampa saudita ha affermato che il ministero dell’Interno ha annunciato che la pena di morte è stata applicata contro Hussein Abu al-Khair per “confermare l’entusiasmo del governo del Regno di combattere la droga di ogni tipo a causa del grave danno che causano all’individuo e società”.

L’articolo Arabia Saudita. Giustiziato un uomo giordano dopo essere stato costretto a confessare traffico droga proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Articoli Correlati

Giunta Lazio, Procaccini: “Buon lavoro alla nuova squadra”

AgenPress. “È una squadra di grande competenza e in grado di dare corpo e sostanza al programma...

Roma. Metro A. Erbaggi (FDI): “Sindaco Gualtieri punisce dipendente Atac”

AgenPress. “Trovo assurdo che il Sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, chieda ad Atac di punire un dipendente...

Violenza operatori sanitari: al San Giovanni “Cura senza paura”

AgenPress. Si è svolto presso l’AO San Giovanni Addolorata l’evento “Cura senza Paura” , l’appello lanciato dalla...

Roma. Caudo (RF): distruzione targa Valerio Verbano segno di debolezza

AgenPress. La distruzione della targa di Valerio Verbano è un segno di debolezza della destra romana e...